roccolo manifestazione
GEAPRESS – Si è svolta oggi a Tretto di Schio (VI) la manifestazione indetta dalle associazioni protezioniste, contro il perdurante uso dei roccoli. Un evento tra i più programmati in questi giorni. Il tutto in un posto sicuramente molto particolare.

Proprio quel luogo, infatti, venne coinvolto in una grossa indagine che svelò le possibili implicazioni illegali di un sistema che continua ad operare per conto delle Province, nella cattura di uccelli appartenenti a specie protette e particolarmetne protette.

Un luogo simbolo, che si ricollega idealmente ad altro intervento operato nei giorni scorsi nella provincia di Verona. Un roccolo, anche qui, chiuso perché nel corso delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica ed affidate alla Polizia Provinciale, sarebbe risultata una distribuzione illecita di uccelli (vedi articolo GeaPress). “Distribuzione – commenta l’Europarlamentare veneto Andrea Zanoni – che avviene comunque contro i principi della Direttiva Europea“. Chiaro il riferimento alla cosiddetta “deroga” che però, ad avviso di Zanoni, non rispetterebbe le sue stesse motivazioni: un sistema momentaneo da sostituirsi con una alternativa alla cattura. E’ diventato, invece, un appuntamento costantemente voluto.

Oggi a Tretto di Schio (VI) si è manifestato contro questo sistema. Proprio innanzi ad “uno di questi infernali impianti“, riferisce l’On.le Zanoni.

Migliaia di uccelli migratori che vengono bloccati  per  finire rinchiusi per sempre all’interno di gabbiette utili solo a servire il richiamo vivo per il cacciatore. Altri uccelli selvatici attirati nella traiettoria del fucile grazie al canto ingannevole degli uccellini diventati “da richiamo”. Poveri animali che in realtà, una volta catturati, vengono tenuti al chiuso delle stanze per più mesi dell’anno e poi portati alla luce  nel periodo autunnale, con il fotoperiodismo alterato. La luce, infatti, viene scambiata come l’annuncio della primavera, quando i maschi cantano per delimitare il  territorio e nidificare. E’ proprio il canto ad attirare i selvatici a tiro del fucile.

Basta con questa barbarie – ha dichiarato assieme ai manifestanti l’On.le Zanoni – Una crudeltà fatta oggi funzionare grazie ai soldi pubblici [ndr. i roccoli vengono mantenuti dalle Province]. Il mio impegno in Europa ed in Italia sara’ costante fino all’abolizione dei roccoli“.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI VIDEO: