vicenza
GEAPRESS – Nonostante l’organico ridotto e con scarsissimi mezzi a disposizione la Polizia Provinciale di Vicenza continua a portare a segno operazioni antibracconaggio di notevole rilievo.

Alcuni giorni addietro, infatti, una squadra di agenti operanti nel settore ovest della provincia ha sorpreso in flagranza di reato una coppia di coniugi che aveva messo in atto un attività di cattura illecita di fauna. I quantitativi sono subito apparsi di assoluta rilevanza.

Si trattava, infatti, di un vero e proprio impianto di cattura dalle dimensioni importanti: oltre 100 metri quadri di reti, opportunamente celate tra i vigneti e gli oliveti della proprietà. Rinvenuti, inoltre, un richiamo acustico per attirare i Tordi bottacci ed una serie di richiami vivi di specie protette e particolarmente protette. Trovati 11 passere scopaiole, 3 fringuelli, 2 lucherini, oltre che merli e tordi di recente cattura.
Il fiuto degli agenti ha consentito di scoprire dove erano stati custoditi gli uccelli catturati. Si trattava del tetto di un ricovero attrezzi all’esterno dell’abitazione dove è stata rinvenuta una cella frigorifera completamente mascherata tra il fieno e materiale vario, invisibile da terra.
Al suo interno 393 uccelli congelati : 11 merli, 1 tordo bottaccio, 1 passero,4 storni , 2 frosoni, 155 passere scopaiole, 19 pettirossi, 14 capinere, 6 cinciarelle,1 lui e altri 197 di varie specie già spiumati. Particolare inquietante che è emerso dalla perquisizione: un calendario dove il bracconiere annotava giornalmente in modo minuzioso gli uccelli catturati.
In un mese d’ attività quasi 600!

Dati che fanno riflettere e che solo lontanamente possano dare l’idea di cosa può essere il danno alla fauna migratoria nel nostro paese provocato dal bracconaggio.
Viene da chiedersi cosa succederebbe senza vigilanza ambientale. Qualcuno che ha promosso e incentivato l’idea di cancellare le provincie e i corpi preposti al controllo faunistico- venatorio farebbe bene a chiederselo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati