uccelli protetti fucili
GEAPRESS – Proprio alla vigilia di  Natale quando una pattuglia della Polizia Provinciale di Vicenza, in servizio di vigilanza nei boschi dell’ alta Valle dell’ Agno, ha sorpreso due cacciatori che stavano abbattendo fauna migratoria protetta e particolarmente protetta.

Nel carniere sarebbero stati rinvenuti pettirossi, capinere, cardellini, fringuelli, uno storno ed una cinciallegra. Si tratta di specie tipiche del territorio e ben rappresentate, purtroppo, nei carnieri dei due soggetti.

L’intervento della Polizia Provinciale di Vicenza è così proseguito con il sequestro delle armi e della fauna abbattuta, mentre i due cacciatori sono stati segnalati alla Procura della Repubblica. Dovranno ora difendersi dagli specifici reati previsti dalla Legge 157/92.

Gli uccelli sequestrati dalla Polizia Provinciale, oltre cha appartenenti alla fauna protetta e particolarmente protetta, sono tutti del peso di pochi grammi. Molti di loro sono ben noti per l’utilità che rivestono in aiuto alle tecniche colturali, essendo caratterizzati da una dieta esclusivamente o in gran parte insettivora. Un particolare che ancor di più, oltre al dovuto obbligo di legge, dovrebbe indurre al rispetto di questi animali.

La Polizia Provinciale di Vicenza ha in più occasioni provveduto a sanzionare comportamenti illeciti in materia venatoria, fornendo così un valido contributo alla protezione della natura.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati