GEAPRESS – Cinque cinghiali hanno le ore contate. Secondo quanto comunicato nei giorni scorsi dalla Provincia di Venezia, starebbero creando problemi agli automobilisti e alle colture. I cinque animali si sarebbero più volte visti, forse provenienti dalla Pedemontana, nei campi coltivati intorno ad Jesolo, Ceggia, San Donà di Piave, Noventa di Piave ed Eraclea.

Per la Provincia, però, il problema principale non sono le colture, quanto i potenziali danni che gli animali potrebbero arrecare agli automobilisti. Questo nel caso attraversassero improvvisamente la strada. Torna così di scena la facoltà della Polizia Provinciale di procedere agli abbattimenti. Facoltà, a dire il vero, divenuta oggetto qualche mese addietro di vivaci polemiche a seguito dell’abbattimento di una volpe che era finita nella trappola di un bracconiere. Un cittadino aveva chiesto soccorso ma si vide spuntare i fucili (vedi articolo GeaPress). Fatto questo ancor più increscioso nel momento in cui intervenne il Presidente della Provincia Zaccariotto, confermando tale necessita sulla base di una norma che però non prevedeva gli abbattimenti (vedi articolo GeaPress).

Sulla vicenda dei cinghiali, interviene ora l’Assessore alla Polizia provinciale Giuseppe Canali che ha confermato il prioritario intervento per la sicurezza delle persone. Abbattimento confermato, dunque.

Chi invece non è per niente d’accordo con gli abbattimenti è invece il Consigliere al Comune di Jesolo Daniele Bison che tiene a sottolineare a GeaPress come per 15 anni sia stato Consigliere provinciale. “E’ chiaro che bisogna tutelare automobilisti e colture – ha riferito il Consigliere Bison – ma è veramente triste vedere un Ente ancora titolare della difesa della fauna, tra i non molti compiti rimasti, imbracciare i fucili. Gli animali – ha aggiunto Bison – vanno sedati e poi trasferiti in luoghi dove non possono arrecare danno“.

Il Consigliere Bison ha avuto proprio ieri un colloquio con il responsabile del Settore Caccia della Provincia di Venezia, il quale ha confermato come agli abbattimenti non ci sono per ora alternative.

La responsabilità non è loro – commenta Daniele Bison – occorre l’intervento della politica la quale deve provvedere, se non li ha, a fornirsi dei mezzi necessari a sedere gli animali. Mi chiedo inoltre – ha concluso polemicamente il Consigliere della Lista Civica Jesolo – su quale spiedo verranno infilzati i cinghiali una volta abbattuti“.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati