GEAPRESS – Stival lo aveva fatto trapelare già nei giorni scorsi. Sia alla stampa ma anche rassicurando i suoi amici di facebook. Ora la novità. La bocciatura del calendario venatorio veneto, da cinque a tre giornate di caccia, così come voluta dal TAR, è stata inficiata da una delibera di Giunta. Abbiamo riformulato rispettando il TAR, riferiscono dalla Regione, ma per l’eurodeputato Andrea Zanoni, eletto in Veneto, si tratta addirittura di un golpe eseguito dalla Giunta con la doppietta.

Stival e Zaia sbeffeggiano il TAR del Veneto e invece che applicare l’ordinanza del 15 settembre la calpestano con una delibera pirata”. E’ il commento di Andrea Zanoni, alla delibera adottata ieri dalla Giunta regionale che dovrebbe risponde all’ordinanza del TAR che aveva sospeso il calendario venatorio veneto riducendo da 5 a 3 le giornate di caccia settimanali agli uccelli nel periodo di massimo flusso migratorio, tra ottobre e novembre.

Le motivazioni fornite dalla delibera regionale rispondono all’ordinanza del TAR che aveva accolto il ricorso dell’associazione Vittime della Caccia, rappresentata dall’avv. Massimo Rizzato, e che aveva sospeso la delibera della giunta Regione Veneto n. 1130 del 12.6.2012 sul calendario venatorio, nelle parti in cui prevedeva due giornate aggiuntive di caccia nei mesi di ottobre e novembre agli uccelli migratori.

Dopo l’ennesimo golpe di questa Giunta con la doppietta, ricordo a Zaia e Stival che sono sotto stretta osservazione di tutta la Commissione europea sulla caccia e se arriveranno le sanzioni per la violazione della Direttiva 2009/147/CE saranno loro a dover pagare”, conclude l’eurodeputato.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati