bracconaggio sequestro sardegna
GEAPRESS – La Commissione europea ha aperto una procedure Pilot, propedeutica ad un’infrazione, per i numerosi casi di bracconaggio all’avifauna in Italia denunciati dall’eurodeputato PD Andrea Zanoni. Per lo stesso Europarlamentare, che recentemente è riuscito a portare nella giusta destinazione l’altra annosa questione dei richiami vivi (vedi articolo GeaPress)   si tratterebbe di una chiara violazione della normativa europea che potrebbe costare una procedura d’infrazione con tanto di sanzioni.

L’Italia resta sotto la lente di ingrandimento della Commissione Europea per i numerosi casi di bracconaggio che si verificano nella penisola –  ha dichiarato Zanoni – Se non interveniamo al più presto rischiamo pesanti sanzioni economiche”. Così l’eurodeputato PD, vice presidente dell’Intergruppo per il Benessere e la Conservazione degli Animali al Parlamento europeo, ha annunciato l’apertura del Caso EU Pilot 5283/13/ENVI “Uccisione, cattura e commercio illegale di uccelli”, una procedura che avviene appena prima dell’apertura di una infrazione.

La Commissione europea ha chiesto al Ministero dell’Ambiente e al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali dettagliate e precise informazioni sui ripetuti casi di bracconaggio in Italia – spiega Zanoni – ed in particolare: bracconaggio nel Delta del Po con mezzi vietati come i richiami elettroacustici; bracconaggio in Sicilia con prelievo di pulli nei nidi di Lanario, Falco pellegrino e Aquila del Bonelli; uccellagione in Sardegna (Sulcis e Sarrabus) con reti lacci e trappole di piuccoli passeriformi;  uccellagione in Valcamonica, Valtrompia e Valsabbia di piccoli uccelli migratori; bracconaggio con fucili e reti ai danni dei rapaci in migrazione; bracconaggio di anatidi e trampolieri in provincia di Foggia (vasche Margherita di Savoia e laghi di Lesina e Varano) e cattura di allodole con reti; bracconaggio di anatidi e trampolieri nelle “vasche della camorra”, bracconaggio di quaglie e tortore e cattura di passeriformi primaverile nelle isole di Ischia e Ponza”.

Questa è una risposta sonora a quanti continuano a negare i gravissimi casi di bracconaggio in Italia e la non sempre pronta risposta di certe autorità locali. Dal canto mio – ha concluso l’Eurodeputato – continuerò a denunciare queste violazioni alla normativa europea a Bruxelles e a monitorare da vicino l’evolversi della situazioni in Italia”.

Tra le questioni sollevate  dalla Commissione Europea anche il rischio che le attività di bracconaggio determinano  numerosi problemi di conservazione delle specie di avifauna con  possibili impatti negativi anche in altri Paesi dell’Unione europea. Questo, ha sottolineato sempre la Commissione, anche in relazione al ruolo chiave svolto dall’Italia per la sua posizione geografica lungo le rotte migratorie di numerose specie. La Commissione ha altresì auspicato l’impegno delle autorità italiane nel contrastare il fenomeno al fine di garantire  il rispetto effettivo delle disposizioni della Direttiva Uccelli e dei relativi obiettivi di conservazione dell’avifauna.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati