capriolo e trofei
GEAPRESS – Nuovo intervento del Corpo Forestale Trentino che, nella mattinata di ieri, nel corso della normale attività di vigilanza, ha intercettato due cacciatori in attività di bracconaggio.

Ad operare sono stati gli agenti forestali della Stazione in servizio presso Riserva di Rumo. I due cacciatori avevano appena abbattuto un capriolo maschio adulto. La Forestale della Provincia Autonoma sottoleena come tale attività fosse stata commessa in maniera illecita visto che la caccia a questa specie è chiusa dal 18 ottobre scorso. Con il supporto dell’Ufficio Forestale di Cles è stato sequestrato l’animale abbattuto procedendo alla perquisizione delle abitazioni dei due.

Proprio in una di queste sono stati rinvenuti oltre trenta trofei di caccia. Su tratta di 8 cervi, 9 camosci e 14 caprioli. Il sospetto degli inquirenti sono concentrati sulla possibilità della provenienza illecita avvenuta negli ultimi anni e tutti provenienti dalla locale riserva. Alcuni riportano addirittura le date che attestano abbattimenti avvenuti al di fuori dalla stagione venatoria.

Gli agenti hanno provveduto al sequestro di tutto il materiale illecito, compresa la carabina con cannocchiale utilizzata per l’abbattimento del capriolo, e trasmesso la notizia di reato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trento: alcune delle infrazioni rilevate sono infatti punite con sanzioni penali.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati