Lupo Foto Mastrella
GEAPRESS – Il Consiglio degli Stati ha respinto oggi la mozione Imoberdorf/Rieder, non dando così seguito alla raccomandazione della propria Commissione dell’ambiente che avrebbe consentito di inserire il lupo tra le specie cacciabile. Ne danno comunicazione ul WWF e Pro Natura seocndo i quali il Consiglio degli Stato ha dimostrato di poter rimanere lucido anche su temi controversi e molto sentiti.

Il lupo, sarebbe divenuto cacciabile tutto l’anno senza periodi di preotezione. Tutto ciò, affermano le associazioni, sarebbe stato inconciliabile con la Convenzione di Berna sottoscritta dalla Svizzera, con l’attuale politica di protezione delle specie e con la Costituzione federale.

Contro la mozione Imoberdorf/Rieder si erano opposti con forza, oltre alle organizzazioni ambientaliste, anche i cacciatori, gli ambienti forestali e i Cantoni. «Quest’ampia mobilitazione prima del dibattito al Consiglio degli Stati mostra che una politica del lupo radicale non raccoglie la maggioranza dei consensi», afferma Mirjam Ballmer, responsabile di progetto per la politica di conservazione della natura presso Pro Natura.

Pro Natura e il WWF, perciò, chiedono ai parlamentari di tener presente questo importante segnale e di sostenere una politica dei lupi equilibrata, ragionevole e orientata alla ricerca di soluzioni.

Il WWF e Pro Natura si sono detti a più riprese pronti a collaborare allo sviluppo di una politica sostenibile e orientata alla ricerca di soluzioni.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati