rinoceronte kruger
GEAPRESS – E’ stato messo in rete il video del rinoceronte  osservato venerdì scorso da alcuni turisti nel Kruger Park, in Sudafrica (vedi articolo GeaPress ). L’animale è stato rintracciato solo ieri mattina  e subito sottoposto ad eutanasia  (vedi articolo GeaPress ). Nessuno, però, può dire con esattezza quando il rinoceronte sia finito sotto i colpi di fucile dei bracconieri. Il luogo del ritrovamento, era peraltro distante da dove era stato avvistato dai visitatori che erano rimasti bloccati lungo la strada dalla tragica scena.

I turisti si erano  messi in contatto con le autorità del parco. La prima fase delle ricerche era risultata particolarmente difficile per via delle cattive condizioni metereologiche. Tutt’ora, nell’area del Parco, sono segnalate esondazioni di corsi d’acqua.

Il rinoceronte era stato centrato da una pallottola nella regione cerebrale. Un fatto questo che aveva indotto le autorità a provvedere per l’eutanasia.

Secondo i dati ufficiali forniti dalla autorità governative, i rinoceronti che con certezza sono stati uccisi in Sudafrica fino al 26 febbraio sono 146. Di questi 95 sono stati uccisi nel Kruger Park, 14 per ciascuna delle province del Limpopo e del North West, 10 nel KwaZulu-Natal, ed i restanti tra l’Eastern Cape, Mpumalanga ed il Free State. Quarantaquattro sono invece i bracconieri arrestati, di cui 20 nel Kruger Park.

Il Governo Sudafricano si è sempre più impegnato nella lotta al bracconaggio. Un fenomeno molto insidioso, visto che per i confini orientali si tratta spesso di cacciatori di frodo provenienti dal Mozambico. Povera genta ben armata e disposta a tutto, assoldata da organizzazioni criminali internazionali

     VEDI VIDEO RINOCERONTE

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati