cacciatore II
GEAPRESS – Un nuovo decesso avvenuto in aprile. Una paura di medioevale memoria, che rievoca untori e, per l’appunto, pulci veicolatrici del temibile bacillo. Eppure la peste bubbonica è riapparsa negli Stati Uniti. Dopo il quarto decesso dell’anziano dello Utah nel mese di aprile, ad una ragazza di 16 anni della contea di Crook nell’Oregon, è stata diagnosticata la peste bubbonica.

Sembra che la ragazza abbia contratto la malattia in seguito al morso delle pulci avvenuto nel corso di una battuta di caccia nei pressi di Heppner, nella zona nord-orientale dello stato. La ragazza è ora ricoverata in ospedale. Negli ultimi dieci mesi la malattia ha provocato già undici contagi e tre decessi in Colorado, Arizona, New Mexico, California, Georgia e Oregon. L’ultima vittima aveva contratto la peste ai primi di agosto. Gli altri morti di peste nel corso dell’anno avevano 16, 52 e 79 anni.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention la peste bubbonica, se curata, presenta una mortalità è ridotta a circa il 16%. Se però non viene diagnositcata in tempo o comunque curata le morti sono di molto superiori.

A riportare la notizia è Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati