GEAPRESS – La caccia in tana e con il fucile alle volpi è sospesa per tutto l’anno. La notizia sarebbe stata riferita stamane dagli Uffici addetti della Provincia di Siena ad Andrea Cucini, responsabile locale della LAC (Lega per l’Abolizione della Caccia). Poche ore dopo, il presidio di protesta a due passi dalla sede della Provincia, in piazza Duomo. Un centinaio di manifestanti che hanno espresso il loro sdegno per un provvedimento che sa tanto di medioevo.

Dobbiamo però precisare che tali disposizioni vengono purtroppo prese non solo dalla Provincia di Siena – riferisce Andrea Cucini a GeaPress – Altre Province ed altre Regioni adottano tali sistemi“.

La caccia alla volpe, però, continuerà. Alla cerca e di notte con i fari (entrambe con fucile), dal mese di agosto a quello di marzo. Una nuova battaglia animalista, dunque, ma almeno i neonati di volpe saranno cresciuti. Oppure no, visto che nel frattempo il povero animale potrà essere catturato ed ucciso con l’utilizzo di gabbie trappola. Cosa succede se a rimanere in trappola è una femmina che stava allattando?

Secondo Arianna Gandella, volontaria di Siena che ha organizzato il presidio di oggi, c’è ovviamente motivo di “essere contenti per la caccia in tana che è stata così sospesa, ma continua purtroppo quella con le trappole“. Abbattimenti inferiori ma che per sempre ci saranno.

Provvedimenti, quelli che sarebbero ora stati bloccati dalla Provincia di Siena, che non solo avrebbero riguardato particolari aree ad utilizzo venatorio, ma che potrebbero disattendere il parere dell’ISPRA che obbliga ad un prioritario intervento con metodi incruenti. Secondo Andrea Cucini, infatti, la volpe è una importante presenza per l’equilibrio naturale e svolge il suo ruolo di predatore. Molto semplicemente si nutre anche degli animali cacciati dai cacciatori. Qui il conflitto d’interesse, risolto da parte umana mandando i cani in tana a sbranare i neonati di volpe.

Al presidio di oggi hanno partecipato singoli animalisti ed il cartello di associazioni costituito da LAC, LAV ed ENPA.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati