fagiano
GEAPRESS – Sorpreso e denunciato questa mattina. Un cacciatore che, secondo le Guardie della LAC, da una decina di giorni aveva posizionato una grossa gabbia trappola per la cattura di fauna selvatica nelle campagne del Comune di Roccastrada (GR).

E’ stato sanzionato dopo alcuni giorni di controlli e appostamenti, quando le Guardie LAC hanno concluso un’operazione antibracconaggio. Ad essere catturati nella gabbia trappola erano fagiani ed istrici attirati da foraggiamenti di mais. Quando nella trappola era finito un fagiano, è stato predisposto un appostamento di tre turni tali da coprire l’intera giornata. Già nel primo mattino il cacciatore bracconiere si è presentato a verificare cosa fosse rimasto in trappola ed è stato fermato ed identificato dalle guardie.

Il cacciatore, in possesso di relativa licenza di caccia, quindi chiaramente al corrente che la caccia con gabbie trappole sia vietata è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Grosseto per esercizio di caccia in periodo di divieto generale, uso di mezzi vietati per l’attività venatoria caccia e per foraggiamento abusivo.

Sul posto è intervenuta una pattuglia della Polizia Provinciale che ha provveduto a sequestrare la gabbia trappola.

Al cacciatore è stata inoltre elevata una sanzione amministrativa di 600 Euro dalle guardie della LAC per le precarie condizioni in cui deteneva i suoi cani.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati