gabbia ungulati
GEAPRESS – Intervento antibracconaggio del Comando Stazione Forestale di Montebuono (RI) il quale, nel corso dell’attività di controllo del territorio tesa a prevenire e reprimere i reati in danno dell’ambiente e dalla fauna selvatica, individuava in un terreno agricolo nel Comune di Magliano in Sabina, una gabbia della tipologia utilizzata per la cattura della fauna selvatica.

La gabbia realizzata in metallo, era stata posizionata all’interno di un terreno coltivato a mais ed era sta assicurata, attraverso una catena, ad un albero di pero.
Secondo il Corpo Forestale dello Stato, le caratteristiche costruttive ed il sistema di ancoraggio lasciavano presupporre che lo strumento fosse destinato alla cattura di grossi cinghiali, particolarmente abbondanti in zona. La trappola risultava non innescata, sebbene perfettamente funzionante e pronta ad essere usata nel caso qualcuno l’avesse opportunamente “armata”.

Dagli accertamenti si risaliva al conduttore del terreno agricolo ove era collocata la trappola. Messo davanti all’evidenza dei fatti, avrebbe ammesso le proprie responsabilità.

La gabbia è stata prontamente posta sotto sequestro in attesa del provvedimento di confisca, mentre al proprietario della stessa è stata comminata una sanzione pecuniaria di 600 euro.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati