reggio forestale
GEAPRESS – Un nuovo intervento del Comando Stazione di Sant’Eufemia d’Aspromonte (RC) del Corpo Forestale dello Stato, nell’ambito dei controlli finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati sulla caccia. Controlli che sono stati intensificati nelle ultime settimane a seguito di specifiche disposizioni impartite dal Comando Provinciale di Reggio Calabria.

A finire denunciato è un cacciatore di Reggio Calabria accusato di uccisione di fauna protetta.

L’area ove si sono svolti i fatti è quella di “Olivarelle” nel comune di Bagnara Calabra.

La pattuglia del Corpo Forestale, in servizio di perlustrazione, notava infatti un soggetto all’interno di un uliveto intento ad esercitare l’attività venatoria. Procedendo alle consuete verifiche gli agenti accertavano che il soggetto aveva appena abbattuto un esemplare di Piccione torraiolo (Columba livia), specie questa protetta dalla legge per come ribadito anche da specifiche sentenze della Corte di Cassazione.

Accertato ciò, il cacciatore veniva deferito all’Autorità Giudiziaria per il reato di uccisione e detenzione di fauna protetta. Il fucile da caccia con il relativo munizionamento, nonché l’animale abbattuto, venivano posti sotto sequestro penale.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati