uccellagione carabinieri
GEAPRESS – Sorpreso dai Carabinieri della Stazione di Pesco Sannita (BN) mentre era intento a catturare lucherini e cardellini, fringillidi protetti dalla legge. Dal luogo di cattura all’abitazione ove i Carabinieri hanno provveduto alla perquisizione domiciliare. In tale contesto sono state rinvenute ventotto gabbie e due richiami acustici, completi di batterie di alimentazione usati per la cattura di volatili.

L’uomo è stato segnalato alla Procura della Repubblica di Benevento per il reato di uccellagione. Gli animali, secondo i militari dell’Arma, sono molto apprezzati e ricercati sul mercato per la vivacità del piumaggio ed il loro canto.

Sempre ad avviso dei Carabinieri, la cattura di volatili del tipo di quelli rinvenuti oggi, rappresenta ancora una pratica diffusa che produce un giro d’affari di notevoli dimesioni. Un solo animale, se in buono stato di salute, può infatti arrivare a costare qualche centinaio di euro. Condivisibile, pertanto, la stima nazionale di 30 milioni di euro.

Del sequestro di oggi è stata informata la LIPU che provvederà alle operazioni di liberazione una volta verificato lo stato di salute degli animali.

I Carabinieri erano intervenuti nell’ambito degli espletamenti dei servizi di prevenzione dei reati faunistico.ambientali predisposti dal Comando provinciale di Benevento.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati