fucili
GEAPRESS – Due cacciatori sono stati denunciati dal Corpo Forestale dello Stato, Comando di Monteforte Irpino e Summonte, con l’accusa di avere svolto l’attività venatoria all’interno del Parco Regionale del Paternio, in provincia di Avellino.

I due sono stati individuati a seguito delle attività di controllo del Corpo Forestale, alla quali si è aggiunta una segnalazione pervenuta al numero delle emergenze 1515. L’intervento è così maturato in località Gizzi, nel Comune di Pietrastornina. In due, in atteggiamento di caccia, venivano peraltro individuati in un SIC, Sito di Importanza Comunitaria.

La Forestale provvedeva  al sequestro dei due fucili calibro dodici e del relativo munizionamento, mentre i due cacciatori venivano deferiti all’Autorità Giudiziaria.

Dall’esame del munizionamento gli inquirenti sospettano che la preda ambita fosse rappresentata dal cinghiale.

Secondo il Corpo Forestale dello Stato, l’attività di caccia illegale è spesso effettuata all’interno di aree protette.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati