marco pannella 2
GEAPRESS – “Siamo tutti profondamente grati a Marco Pannella per le molte coraggiose battaglie: anche quella contro la caccia, che tanto ha contribuito a una rivoluzione culturale nel nostro Paese. Non si può dimenticare la mobilitazione in questo senso nell’Italia degli anni ’70 e dei primi anni ’80, mobilitazione che segnò un bel percorso condotto parallelamente al mondo ambientalista e animalista, culminato nell’esperienza politica dei Verdi”. Lo dichiara Carla Rocchi, presidente nazionale di Enpa.

“Siamo grati a Marco Pannella per avere valorizzato nella società italiana il prezioso strumento della democrazia diretta, attraverso l’istituto referendario. Il contatto, il dialogo, il confronto con i cittadini su tanti e diversi temi, tra cui quell’indimenticabile esperienza del giugno 1990 con il referendum anticaccia, fortemente voluto da Verdi e Radicali – aggiunge Annamaria Procacci, consigliere nazionale di Enpa ed ex parlamentare dei Verdi – per dire basta sia a un’attività venatoria senza freni sia all’invasione dei fondi privati da parte delle doppiette. Un mostro giuridico che, purtroppo, ancora oggi vige nel nostro Paese”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati