GEAPRESS – I fatti sono accaduti ieri intorno alle 19.00, nel quartiere palermitano di Bonagia. Il cacciatore si sarebbe difeso dichiarando ai Carabinieri di aver voluto sparare contro un colombaccio. Ed invece, in realtà, a rimetterci la vita è stato un povero cane meticcio. Per i Carabinieri del Comando Stazione di Palermo Villagrazia, però, l’accusa è di avere ucciso il cane con l’aggravante di futili motivi e della crudeltà, ovvero, in base alle condotte punite della legge 189/04 sul maltrattamento di animali, di avere sparato intenzionalmente al cane.

I colpi di arma da fuoco, poi, sarebbero stati esplosi in un luogo abitato. Bonagia, infatti, è un quartiere periferico della città. Alti palazzi ed edilizia popolare tra rimasuglie di agrumeti frammisti a villette.

Già poco dopo le segnalazioni pervenuti ieri sera al 112, le gazzelle dei Carabinieri, erano in via del Levriere, angolo via dell’Antilope. Ironia della sorte, tutte strade, in quella zona, intestate ad animali. In quell’angolo, tra i palazzi ed un deposito di camion, un piccolo appezzamento di terreno con agrumeto ed incolti.

Tre colpi d’arma da fuoco, denunciano i cittadini allarmati. Dal recinto di quel terreno , proprio all’arrivo dei Carabinieri, è uscito barcollando un cagnolino di colore bianco e marrone. Insanguinato, dopo aver percorsi pochi metri si accasciava privo di vita in mezzo alla carreggiata. Il cane era rimasto ferito da diversi colpi d’arma da fuoco all’altezza della spalla anteriore sinistra.

I Carabinieri controllavano a questo punto il terreno in questione, sorprendendo l’uomo con il fucile ancora in spalla. Una volta accortosi dell’arrivo dei militari, tantava di allontanarsi. Fermato e controllato avrebbe poi negato di aver sparato. Quando i Carabinieri gli hanno fatto notare che l’arma era ancora calda, avrebbe prima detto di aver sparato ad un colombaccio per poi ritrattare dichiarando di aver visto tre cani e di aver sparato per timore di essere aggredito.

I Carabinieri hanno sequestrato il fucile, un Benelli calibro 12 regolarmente detenuto ed il munizionamento. Il cane verrà consegnato al servizio veterinario del Comune.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati