falco lanario falconeria
GEAPRESS – Dodici Falchi laggar (Falco jugger) sono stati sequestrati dal Dipartimento della Fauna Selvatica del Pakistan durante un controllo avvenuto nella provincia sud occidentale dello Sindh. I giornali locali hanno riferito di un vero e proprio raid avvenuto nella zone collinari del Distretto di Jamshoro.

L’intervento di polizia è avvenuto domenica scorsa ed a portato al fermo di cinque persone. Trovati anche alcuni piccioni, verosimilmente utilizzati come esca, e circa 120 metri di rete.

Gli stessi giornali Pakistani hanno messo in evidenza come i funzionari del Dipartimento, subito dopo il sequestro, sarebbero stati contattati da alcune persone locali molto influenti che avrebbero cercato di mediare il rilascio dei  sospetti oltre che degli stessi uccelli. I cinque sono stati rilasciati dopo che  è stata contestata una sanzione, subito pagata, equivalente a circa 340 Euro.

I cinque provenivano dalla città di Mianwali, nel nord del Pakistan. Secondo le autorità locali l’uso del falchi per la cattura illegale degli uccelli è però molto comune nelle zone meridionali del paese, specie lungo il fiume Indo.

I falchi sono stati trovati con le zampe legate e gli occhi bendati. Purtroppo anche altre specie di rapaci sono coinvolti nelle razzie.

Nei giorni scorsi erano stati sequestrati altri tre Falchi laggar, trovari in possesso di altrettanti cacciatori, mentre altri due animali, appartenenti alla stesse specie, erano stati intercettati senza però essere riusciti a prendere i falconieri.

Tali Falchi erano un tempo molto comuni nel Pakistan, ma la loro popolazione è stata ridotta a causa del prelievo diretto.

 

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati