anatidi II
GEAPRESS – L’eurodeputato Andrea Zanoni ha scritto al Governatore del Veneto Luca Zaia e al Ministro dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Andrea Orlando, per posticipare l’apertura della stagione venatoria. Secondo Zanoni “le avverse condizioni meteorologiche primaverili hanno ritardato la stagione riproduttiva e molti animali sono ancora dipendenti dai genitori”. Per Zanoni si profilerebbe una vera  e propria strage. Animali, ancor di più senza difese.

L’On.le Zanoni, vice Presidente dell’Intergruppo per il Benessere e a Conservazione degli Animali al Parlamento europeo, ha così invitato il Presidente della Regione Veneto e al Ministro dell’Ambiente, a posticipare l’apertura della caccia almeno alla fine di ottobre. La lettera è stata inviata anche al Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Nunzia De Girolamo, informando anche l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA).   Domenica 1 settembre, infatti, aprirà la stagione di caccia in regime di pre-apertura in tutto lo stivale, compreso il Veneto, e il 15 settembre ci sarà l’apertura generale.

In primavera si sono registrate temperature molto inferiori alla media e continue e abbondanti precipitazioni piovose che si sono prolungate fino alla prima settimana di giugno – ha spiegato Zanoni – Queste condizioni meteorologiche avverse hanno ritardato considerevolmente l’inizio della stagione riproduttiva di moltissime specie di fauna selvatica e di conseguenza attualmente, alle porte di settembre, ci sono ancora molti soggetti, in particolare di uccelli, immaturi e dipendenti dai genitori. Nella pianura veneta vengono trovate nidiate di pulcini di Germano reale, Folaga e Gallinella d’acqua dolce“.

Il 26 agosto scorso, l’eurodeputato ha personalmente scattato una fotografia a Treviso, sulle rive del fiume Sile, che ritrae 4 pulcini, 2 di Germano reale e 2 di Folaga (vedi foto).

Domenica prossima ci sarà la pre-apertura della caccia – ha concluso Zanoni – Il ritardo  di circa  un mese delle nidiate comporterà che dal prossimo 15 settembre queste specie saranno cacciabili a norma del calendario venatorio. L’Assessore veneto alla Caccia Daniele Stival ha dichiarato che la caccia si svolgerà nel rispetto della natura e dell’ambiente. I cacciatori del Veneto, complice la Regione, quest’anno potranno andare a caccia dei pulcini. È necessario emettere subito un’ordinanza per posticipare l’apertura generale della stagione di caccia almeno alla fine di ottobre per consentire a tutti i pulcini di queste specie di essere autonomi ed indipendenti dai genitori. In questo modo si eviterà una nuova procedura di infrazione nei confronti dell’Italia per la violazione della Direttiva “Uccelli” 2009/147/UE, che all’articolo 7 comma 4, prevede il divieto di caccia agli uccelli nella fase della dipendenza dai genitori».

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati