caccia forestale
GEAPRESS – Sorpresi di notte mentre andavano a caccia nel Parco del Pollino. Due cacciatori sono così state deferite all’Autorità Giudiziaria per attività venatoria e introduzioni di armi all’interno di un’area protetta dove tale attività è assolutamente vietata.

I due sono stati sorpresi dagli uomini del Corpo Forestale di Morano e Saracena in località “Pavone-Rotondella” mentre dall’interno di un fuoristrada con l’ausilio di potenti fari illuminavano a zona alla ricerca di fauna selvatica da abbattere. Si tratta, spiega la Forestale, di una tecnica usata per abbagliare l’animale che rimane immobile per poi abbatterlo con l’arma da fuoco.

A seguito di appostamenti gli Agenti sono riusciti ad intercettare e bloccare l’automezzo. Si è così potuto verificare che il conducente aveva con se un faro mentre il passeggero al suo fianco una carabina pronta all’uso. I fari inoltre erano collegati alla batteria dell’automezzo attraverso alcuni cavi elettrici che dall’abitacolo giungevano al vano motore. La Forestale ha quindi provveduto al sequestro dell’arma, delle munizioni e dell’automezzo usato per tale attività.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati