forestale
GEAPRESS – Intervento del personale della Stazione del Corpo Forestale dello Stato di Monopoli che ha provveduto a denunciare un uomo colto in flagranza mentre si aggirava nelle campagne al confine tra Monopoli e Fasano, alla ricerca di fauna selvatica da abbattere.

L’operazione è stata effettuata durante servizi mirati di appostamento e perlustrazione per la finalizzati all’antibracconaggio. Controlli mirati posti in essere nel periodo cosiddetto “pre-nuziale”, ossia quando la fauna selvatica migratoria ritorna negli areali di nidificazione, attraversando i nostri territori per rifocillarsi.

L’uomo era alla guida dell’autovettura ed una volta notata la presenza degli agenti, cercava di sottrarsi al controllo; prontamente fermato, veniva trovato con un’arma al seguito, carica e pronta all’uso, benché sprovvisto di porto d’armi.
Si è proceduto quindi al sequestro preventivo dell’arma e delle munizioni.

Le accuse formulate riguardano, in merito alla violazioni della legge 157/92 (Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio), l’esercizio venatorio in periodo di chiusura generale, porto abusivo d’arma da fuoco in luogo pubblico. Denunciato anche il padre, intestatario dell’arma, per omessa custodia e incauto affidamento di armi e munizioni.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati