istrice
GEAPRESS – Era stato disposto all’interno di  un busta il povero Istrice trovato a tre soggetti originari della provincia di Ragusa fermati dalla Polizia Provinciale nei pressi di Cava Martorina, nell’ambito territoriale di Modica.

I tre erano stati notati da un cittadino che aveva provveduto ad avvisare la Polizia Provinciale. Erano all’interno di un autovettura vestiti con una tenuta verde mimetica e un trasportino per cani. Due cani da caccia di piccola taglia di razza meticcia; secondo la Polizia Provinciale per forma e statura corrispondevano a due tipici cani da tana. All’interno del sacco di plastica c’era il corpo dell’Istrice ancora sanguinante. Secondo gli inquirenti era morto da poco tempo. Sempre nella stessa autovettura due bastoni intrisi di sangue.

L’accusa è ora quella di avere abbattutto l’Istrice con mezzi non consentiti ed in periodo di divieto di caccia generale.

I fatti, occorsi lunedì scorso, sono stati denunciati grazie all’intervento  l’Isp. Sup. Antonio Carbonaro ed l’Ass.te Capo Carmelo Parrino.

Ai tre soggetti è stata immediatamente contestata l’ipotesi di reato prevista dall’art. 30, comma 1, lett. a, b e h) della L. 157/92 per aver abbattuto un istrice (specie d’interesse comunitario che richiede una protezione rigorosa “Direttiva 92/43/CEE allegato IV lettera A”) con mezzi non consentiti (bastoni in legno) e in periodo di divieto di caccia generale ed art. 110 del C.P. (in concorso) con contestuale sequestro dei corpi di reato.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati