GEAPRESS – “Sunday bloody sunday“, in tal maniera i volontari dell’Associazione ANTEA definiscono la domenica pomeriggio che sarebbe occorsa a Miglionico, in provincia di Matera. La nota canzone degli U2, riferita ai sanguinosi scontri di Londonderry del 1972, è ora traslata per spiegare l’orrore provato dai volontari del luogo che si sarebbero visti sfilare per il paese i cinghiali grondanti di sangue.

Non è chiaro se quella sfilata sia stata autorizzata anche se l’articolo con la denuncia è ormai da alcuni giorni nel sito istituzionale del Comune di Miglionico. Possibile che nessuno se ne sia accorto?

Non ci aspettavamo di certo quella sfilata – spiega una volontaria a GeaPress – siamo rimaste inorridite, tutto quel sangue con quei poveri corpi. Non siamo riusciti neanche a contarli“. Il tutto, sempre secondo il gruppetto di volontari di Miglionico, sotto gli occhi di adulti e bambini. “Il sangue è stato poi ripulito velocemente – riferisce la volontaria – e non abbiamo avuto il tempo di fotografare. Siamo state colte di sorpresa.“.

A quanto pare il sangue di quei cinghiali si è sparso diffusamente, anche nella pavimentazione da poco ultimata tra piazza Unità d’Italia e piazza Castello.

La risposta, ora, è attesa dal Sindaco ma i volontari sperano che siano anche le Forze dell’Ordine a procedere per accertare se nei comportamenti riferiti vi siano estremi di reato. “Noi attendiamo trepidanti delle risposte,anzi, da civili cittadini, contribuenti nonché elettori, abbiamo il diritto di avere delle risposte chiare e precise“, dicono i volontari di ANTEA.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati