GEAPRESS – Pericolosamente, troppo pericolosamente perché la vicinanza col genere umano è pericolosa, una cinghiala ha deciso, stanotte, di partorire i suoi cuccioli nel Parco della Murgia Materana, non solo, a pochi passi dal cuore della Città.

Dove è il problema? direte voi, è quasi in città, è in una zona protetta, è in periodo di caccia chiusa…una botte di ferro!

Invece no, nel Parco operano (ma poi è giusto usare questo termine quando, di fatto, si tratta di uccisioni?) un bel numero di selecontrollori, che della caccia chiusa e del patrimonio indisponibile dello Stato e della zona protetta se ne fanno un baffo, perché autorizzati dalle autorità preposte.

Il CdR (Coordinamento per la Difesa del Randagio), Associazione animalista “storica” della città, lancia un appello per organizzare un presidio, affinché a nessuno venga in mente di “prelevare” i piccoli e “allontanare/cacciare” la madre.

Il Presidente dell’Ente Parco, da noi contattato, sarà rintracciabile solo dopodomani pomeriggio.

Intanto, il CdR,invita a scrivere al Presidente del Parco della Murgia Materana per chiedere di salvare Giuditta ed i suoi cuccioli.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati