cuculo II
GEAPRESS – Continua l’abbattimento di specie protette a Malta, dopo che il Governo aveva organizzato, lo scorso 11 aprile, un Referendum popolare sulla caccia primaverile. Un referendum inutile, secondo gli ambientalisti,  per le disposizioni internazionali che già vieterebbero tali forme di prelivo venatorio.

Uno scarto minimo di voti, pari ad appena 2200 preferenze, ha comunque sancito la vittoria dei cacciatori e pochi giorni dopo, con altisonanti dichiarazioni del Primo Ministro maltese, la caccia è stata riaperta solo contro quaglie e tortore. Da allora, però, i protezionisti maltesi hanno documentato l’abbattimento di un cuculo e di una pavoncella. Ieri, invece, un secondo cuculo.

Così come riportato da Birdlife Malta, il povero animale è stato centrato nei pressi dell’area di caccia di Miżieb. Ad accorgersi di quanto accaduto è stata una dog sitter. Il cuculo era in terra, con un’ala rotta e l’osso sporgente. Nonostante il dolore, faceva di tutto per riprendere il volo.

La fucilata non gli ha purtroppo lasciato scampo.

Poco dopo la dichiarazione di vittoria per i pro caccia, il Primo Ministro maltese aveva annunciato che non si sarebbero tollerate illegalità. Questa stagione di caccia sarebbe stata l’ultima.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati