pavoncella V
GEAPRESS – Dopo il cuculo ucciso ieri da un cacciatore maltese (vedi articolo GeaPress) un nuovo atto di bracconaggio è stato commesso a Malta. Il tutto a poche ore dal referendum che, con una risicatissima vittoria dei cacciatori, ha stabilito la permanenza della caccia primaverile.

Questa volta ad essere stato abbattuta è stata una Pavoncella.

Il cacciatore, fermato dalla polizia nei pressi di Birzebugga, ha dichiarato di non sapere che la Pavoncella non era specie cacciabile. Quello fermato ieri, invece, aveva detto di avere confuso il Cuculo impallinato con una Tortora. Le disposizioni volute dal Governo maltese consentono ai cacciatori di potere uccidere, in questo periodo, le Tortore e le Quaglie. Si tratta di animali diretti in Europa per la nidificazione.

La caccia primaverile è bandita un po’ ovunque, proprio per favorire la riproduzione degli animali. La forte lobby dei cacciatori maltesi, per molti versi unica in tutta Europa, riesce però ancora ad avere la meglio nelle scelte politiche  locali, come nel caso del Referendum.

Il Primo Ministro maltese, subito dopo il Referendum, si era apprestato a dichiarare che non vi sarebbero stati sconti nel caso di violazioni della legge, fino alla sopsensione della caccia.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati.