GEAPRESS – Visita promessa e mantenuta. Il CABS, l’organizzazione transnazionale specializzata in azioni anti bracconaggio, ha accolto con favore la visita dell’On.le Andrea Zanoni, Eurodeputato IdV. L’On.le Zanoni si è soffermato in campo con le squadre antibracconaggio del CABS le quali hanno a sua volta illustrato la particolare situazione di Malta (vedi articolo GeaPress). Zanoni ha così potuto constatare in prima persona la grave minaccia che il bracconaggio costituisce sopratutto per gli uccelli migratori.

Il primo appuntamento, domenica mattina, è stato nell’area alberata del Buskett. Da lì si è assistito alla partenza dei rapaci che, la sera prima, si erano posati per trascorrere la notte. Grillai, Falchi pecchiaioli, Falchi di palude e uno Sparviero. Tutti sono riusciti a lasciare indenni l’isola di Malta. Li attende, ora, lo svernamento sud sahariano ed in primavera un nuovo, quanto pericoloso, viaggio di ritorno nei quartieri di nidificazione.

I volontari, a questo proposito, hanno potuto illustrare all’On.le Zanoni, il lato più oscuro della caccia agli uccelli. Tutto ripreso in un video dove è possibile vedere numerosi falchi, cadere sotto il tiro dei fucili.

E’ molto triste – ha riferito l’On.le Zanoni – osservare uccelli oggetto di particolari misure di protezione nei paesi UE, uccisi dai bracconieri maltesi“. L’eurodeputato ha inoltre espresso la sua preoccupazione per l’annuncio delle autorità maltesi di consentire la cattura del piviere dorato e dei tordi, tramite l’ausilio di reti.

La cattura con le reti – ha spiegato l’On.le Zanoni – è espressamente vietata dalle disposizioni europee sulla protezione degli uccelli. Malta, in tal maniera, sta rischiando di intraprendere la strada che la porterà innanzi alla Corte di Giustizia europea“.

La giornata dell’On.le Zanoni a Malta si è conclusa con gli incontri sia con le autorità di polizia che con le amministrazioni. Zanoni ha così potuto apprezzare il lavoro svolto dall’ ALE, lo speciale corpo di polizia specializzato nell’antibracconaggio. Di tutt’altro giudizio, invece, quanto espresso sulla mancanza di volontà politica a Malta. Un impegno che dovrebbe iniziare ad espletarsi rafforzando come minimo il gruppo di polizia antibracconaggio.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati