armi forestale
GEAPRESS – Cinque cacciatori sono stati denunciati dal Coordinamento Territoriale per l’Ambiente del Parco Nazionale della Sila.

A finire sotto sequestro sono state le armi trovate in loro possesso.

L’intervento si inquadra in una vasta attività di controllo effettuata nei giorni scorsi. I cinque cacciatori, precedentemente controllati mentre transitavano a bordo delle proprie autovetture, sono stati in seguito sorpresi in serata all’interno di un casolare in località “Cicchella” del comune di Bocchigliero, area questa ricadente in “Zona 2” dell’area protetta.

I reparti di Lorica, Mezzocampo,  Spezzano Sila, CTA, Camigliatello e Cava di Melis hanno quindi provveduto al sequestro, di cinque fucili calibro 12 e al munizionamento in loro possesso, circa 150 cartucce. I cinque cacciatori, originari di Luzzi (CS) , sono stati deferiti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Castrovillari per violazione della Legge quadro sulle aree protette. L’introduzione di armi è infatti vietata all’interno del Parco.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati