smerigilio
GEAPRESS – Una fucilata stronca il volo di un bellissimo esemplare di Falco Smeriglio (Falco columbarius) nelle campagne di Locate Triulzi (MI), nei pressi della Cascina Resentera, proprio al confine tra la provincia di Milano e Pavia.

A darne comunicazione è la LIPU di Pavia secondo la quale si tratterebbe dell’ennesimo episodio di specie particolarmente protetta bersaglio delle fucilate dei cacciatori.

Fortunatamente alcuni fotografi naturalisti e attivisti della Sezione LIPU di Pavia hanno individuato nei campi il rapace in difficoltà. “Eravamo a fare delle foto– dichiarano Riccardo Trevisani e Stefano Pretti – e l’abbiamo notato. Lo abbiamo perciò catturato e portato immediatamente al Centro Recupero Fauna Selvatica LIPU de La Fagiana (MI).”

Lo sfortunato rapace è stato subito visitato da personale qualificato: dalla radiografia risulta avere una frattura all’ala sinistra dovuta a tre pallini di piombo. Un pallino ha rotto l’ulna e altri due sono conficcati nell’articolazione del carpo.

L’animale è risultato magro e stressato a causa dell’impossibilità, una volta ferito, di reperire il cibo per nutrirsi.

Il nostro amico pennuto – ha commentato Veronica Burresi, Responsabile del CRFS LIPU La Fagiana – è stato visitato da un veterinario. Purtroppo è un caso di difficile riabilitazione visti i danni riportati , porterà una fasciatura per tre settimane e gli saranno somministrati antibiotico e antidolorifico. Ora è tenuto sotto osservazione in un apposito box per la convalescenza; successivamente se ce la farà a sopravvivere sarà spostato in una voliera per la riabilitazione al volo, in attesa di essere liberato.

La LIPU ricorda che gli ospiti dei Centri di Recupero non sono solo uccelli selvatici, ma anche ricci, scoiattoli, caprioli, tartarughe e altri “orfani” o adulti feriti. Ogni anno nei Centri Recupero LIPU vengono curati oltre 15.000 animali selvatici feriti o in difficoltà. Molte persone, nel momento in cui sono armate di fucile, fanno di tutto per distruggere animali e biodiversità. Sicuramente sono necessari più controlli nelle nostre campagne da parte del personale di Vigilanza preposto e bisogna anche denunciare immediatamente chi commette questi reati, senza avere nessun indugio!

Lo Smeriglio è il più piccolo rapace europeo: infatti il maschio (sempre più piccolo della femmina) misura appena 26 cm di lunghezza – riferisce Ciro Acquaviva, Delegato della Sezione LIPU di Pavia – L’Italia rappresenta un ponte di migrazione per le popolazioni nordiche che svernano nell’Europa meridionale e in Nord Africa. Quest’ennesimo episodio di bracconaggio dimostra come i cacciatori in Italia siano indisciplinati in quanto, come spesso accade, questi atti di bracconaggio sono perpetrati proprio da cacciatori con regolare licenza di caccia, violando pertanto deliberatamente la Legge”.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati