cicogna libano
GEAPRESS – Continua il passaggio delle cicogne in migrazione in Libano. Un paese che si trova lungo una principali rotte migratorie al mondo e che possiede, putroppo,  una situazione venatoria allo sbando.

Tutto denunciato dagli animalisti libanesi e dal CABS, lo speciale nucleo antibracconaggio che implacabilmente rimanda foto tremende dal paese dei cedri. Un account facebook tutto dedicato alle bravate dei cacciatori libanesi (vedi articolo GeaPress) i quali, sicuri del clima di impunità, non esitano a mostrarsi a viso scopero (i bottoni nelle foto sono inseriti dai protezionisti).

In molti casi compaiono foto di minorenni o addirittura di bambini molto piccoli. Era probabilmente di un ragazzino la voce che si può sentire in un video che mostra l’inizio dell’azione di fucileria contro uno stormo di cicogne in migrazione (vedi VIDEO). Il filmato è stato probabilmente girato nella metà di marzo ma da allora numerose altre uccisioni di cicogne sono state documentate.

Una delle ultime foto è tremenda. Mostra una piccola bambina che tiene a malapena un fucile da caccia mentre, con l’altra mano, alza per il becco il corpo senza più vita di una cicogna.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati