GEAPRESS – I primi due cacciatori, residenti nel Comune di Cutrofiano (LE), sono stati fermati a Collepasso in località “Manimuzzi” dal Comando Stazione di Gallipoli (LE) del Corpo Forestale dello Stato. Erano intenti a cacciare avifauna migratoria appartenente a specie protette. Si trattava in particolare di frosoni. La fauna abbattuta è stata posta sotto sequestro, così come i fucili da caccia utilizzati e le cartucce. I due sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria. Nella stessa giornata altri cacciatori sono stati sanzionati per violazioni di natura amministrativa. Si trattava, in quest’ultimo caso, di caccia vagante negli uliveti.

Nei giorni scorsi, invece, in località “La Murta”, nel Comune di Surano (LE) il Comando Stazione di Tricase del Corpo Forestale dello Stato ha denunciato un cacciatore proveniente dalla provincia di Pesaro. Cacciava con l’ausilio di un richiamo acustico elettromagnetico (mezzo di caccia vietato dalla legge ma di libera vendita). Anche per lui il deferimento all’Autorità Giudiziaria oltre che il sequestro del richiamo e del fucile da caccia.

Per nessuno dei cacciatori di cui sopra potrà essere revocata subito la licenza di caccia. La loro facoltà di andare a caccia, secondo la legge che regola l’attività venatoria in Italia, rimarrà inalterata. Anche nei casi più gravi occorre uno o più condanne, a secondo dei reati, passate in giudicato, per potere avere inibizioni sul porto d’armi, (quali ad esempio la sospensione o revoca), salvo superiore intervento dell’Autorità di polizia.

Nei giorni scorsi altri interventi anti bracconaggio sono avvenuti all’interno del Parco delle Madonie (PA) ed in Trentino. In quest’ultimo caso ad essere denunciato è stato un cacciatore di una locale riserva di caccia che, dalla sua baita-abitazione, sparava di notte ed in direzione di una strada distante circa 20 metri, con l’ausilio di un fucile munito di un silenziatore. Ad intervenire, oltre ai Forestali Provinciali di Borgo ed a quelli del Consorzio di Telve, anche personale dell’Associazione Cacciatori Trentini.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati