GEAPRESS – C’è chi li utilizza artificiali o naturali, poi con palline colorate, di vetro o di plastica. Comunque è l’albero di natale, in genere addobbato a dicembre. Nel Parco Nazionale del Vesuvio, c’è chi anticipa la tradizione e all’interno del proprio terreno, protetto da valida recinzione, aveva già addobbato l’alberello. Solo che al posto di lucette e palline, aveva sistemato su più alberi da frutto, decine di gabbiette contenenti quaglie ma anche altri uccelli. Tutte erano coperte da un panno. In tal maniera, il malcapitato uccellino, avrebbe subito cantato nel momento in cui avrebbe visto la luce.

Attorno agli alberelli, ben tre reti di uccellagione pronte all’uso grazie all’ausilio di cinque richiami elettromagnetici. In pratica l’addobbo dell’uccellatore era costituito sia da richiami vivi che artificiali. Entrambi vietati dalla legge.

Il frutto di tale attività era rappresentato da un centinaio di uccelli di varie specie, così catturati in una fase molto delicata della loro vita, ovvero l’involo dei piccoli nidiacei.

Per tutti loro è arrivata subito la libertà, nella riserva forestale “Titone Alto Vesuvio”. I due bracconieri, corrispondenti ai proprietari del fondo agricolo, sono stati denunciati dal Corpo Forestale per violazione delle norme sulla caccia e delle aree protette.

Nei giorni scorsi il Corpo Forestale dello Stato, congiuntamente alle Guardie della LIPU, aveva eseguito un intervento ai danni di uccellatori in via Gianturco, a Napoli. I Forestali, intervenuti con il Comando Stazione di Napoli e Roccaraianola, hanno così provveduto a sequestrare numerosi cardellini, verzellini, altri passeriformi e poi addirittura dei porciglioni, un uccello tipico delle zone palustri.

Impossibile, nel parapiglia conseguito, individuare i responsabili. Buona parte degli animali sono stati liberati all’interno del Real Bosco di Capodimonte, mentre quelli non in grado di volare, a causa degli spazi angusti e dei maltrattamenti subiti, sono stati consegnati alle cure del Presidio Ospedaliero Veterinario di Napoli “Il Frullone”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati