DCIM100MEDIA
GEAPRESS – Controlli in materia di caccia eseguiti, nello scorso fine settimana, dal  Corpo Forestale dello Stato.

Ad essere sequestrati, nel Comune di Pozzilli, due fucili, numerose munizioni ed un richiamo elettromagnetico.

In località Pietra Bianca i Forestali hanno individuato e fermato due uomini originari della provincia di Caserta, che erano a caccia di uccelli anche con l’ausilio di un richiamo elettromagnetico. La Forestale precisa a questo proposito che le aree del territorio molisano non erano tra quelle comprese  per la licenza dei due.

Il reato contesto è quello di  caccia con l’utilizzo di mezzi non autorizzati ed in  concorso tra loro.

Gli agenti del Comando stazione forestale di Venafro hanno accertato che il richiamo serviva per attirare i tordi la cui caccia richiede abilità particolari, di cui evidentemente non erano dotati i due, che saranno sanzionati anche con un verbale amministrativo. Nei confronti degli stessi sarà inoltre richiesto sia la sospensione della licenza di caccia che il ritiro del porto d’armi come previsto dalla normativa vigente in materia.

Secondo il Corpo Forestale dello Stato l’utilizzo di richiami elettromagnetici non autorizzati è pratica molto diffusa, che crea non pochi problemi agli uccelli coinvolti, attirati in una vera e propria trappola dal richiamo di esemplari della stessa specie.

Nel fine settimana altri controlli in tema di caccia, hanno portato all’accertamento di alcune irregolarità di tipo amministrativo. Tra queste  le più frequenti sono relative alla mancata registrazione dell’uscita sul proprio tesserino oppure al mancato rispetto della norma che prevede di indossare il giubbotto colorato per rendersi ben evidente ed evitare incidenti di caccia.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati