GEAPRESS – Nuovo intervento del NOA (Nucleo Operativo Antibracconaggio) del Corpo Forestale dello Stato, sull’Isola di Ischia. A distanza di poche settimane (vedi articolo GeaPress) da quando a Forio d’Ischia in località Punta Pelara, vennero fermati a seguito di una vera e propria manovra a tenaglia ben 6 bracconieri intenti a sparare all’avifauna migratrice in periodo di divieto generale.

Evidentemente, commentano alla LIPU, questo non è bastato a fermare i purtroppo numerosi sparatori illegali in giro per l’isola.

Sabato scorso e domenica una nuova operazione ha interessato le zone alte collinari, tra i Comuni di Casamicciola, Terme e Barano. Gli appostamenti, ai quali ha collaborato anche la LIPU, hanno ben presto portato ad individuare il bracconiere intento ad azionare le trappole. In tutto gliene sono state sequestrate 200, oltre a due trombe utilizzate per azionare il richiamo acustico per le quaglie. Poveri animali attratti dall’inganno del verso ripetutamente riprodotto, e finiti a colpi di fucile.

La sorpresa più grossa, però, è stata quella di due botole blindate, occultate nella macchia, che celavano 552 cartucce da caccia di diverso calibro.

Secondo la LIPU una conferma di come l’attività illegale della caccia ad Ischia sia ancora viva e florida. In molti ancora, sempre secondo la LIPU, non rinunciano al bracconaggio in aperta sfida alle leggi dello Stato.

Bisogna comprendere che i tempi sono cambiati e che non è più il caso di sfidare il diritto costituito – ha dichiarato Carmela Paolella, Delegata di Ischia della LIPU – L’avifauna è un bene che appartiene a tutta la comunità europea oltre che alle generazioni future e noi ci batteremo sempre affinché il “popolo migratore” venga salvaguardato e protetto nel suo cammino“.

Ringrazio di cuore gli uomini del N.O.A. – ha aggiunto Paolella – che con tanta dedizione e professionalità effettuano una così importante opera di bonifica sulla nostra isola, e le nostre valenti guardie“.

Per la LIPU l’attenzione sull’attività antibracconaggio non sarà mai abbassata. “Saremo sempre vigili e pronti a dare risposte sul campo – ha concluso la Delegata di Ischia della LIPU – e a non permetteremo che luoghi meravigliosi diventino insicuri e preclusi per quanti, turisti ed isolani, vogliono godere della natura e dell’osservazione degli uccelli”. Come dire: tolleranza zero…bracconieri avvisati.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati