codirosso
GEAPRESS – Lo avevano annunciato ad inizio della stagione migratoria e così è stato. Le Guardie ENPA di Ischia (NA), hanno setacciato nella giornata di sabato i boschi di località “Buceto” nella zona di Casamicciola. I risultati, purtroppo, non sono mancati: ben trentadue trappole del tipo “sep” trovate, in alcuni casi, con  il piccolo volatile ormai morto.

In questo caso si trattava di Pettirossi e Codirossi spazzacamino, ma a morire nel tremendo scatto sono anche Stiaccini, Culbianchi ed altri rari migratori.

Una trappola insidiosa, quella cosidetta “sep”. Si arma direttamente nel terreno e, per le sue dimesioni, è facile poterla nascondere tra la vegetazione. Solo un attento controllo del territorio, come quello attuato dalle Guardie ENPA di Ischia, consente di poterle trovare. Un meccanismo semplice  e spietato. Nella trappola, infatti, viene inserita una piccola esca. Si tratta, in genere di una bacca che, una volta prelevata dall’uccellino fa scattare il marchingegno a molla che non da alcuna possibilità di fuga. Il povero animale, muore dopo una lenta e dolorosa agonia. L’archetto in metallo, infatti, può colpirlo alla gola, come su un’ala o alle zampette che possono rimanere spezzate.

Il piccolo passeriforme rimane in vita, spesso fino all’arrivo del bracconiere che lo ucciderà schiacciandolo con le dita alla testa o il torace.

Gente senza scrupoli – afferma l’ENPA di Ischia – non hanno nemmeno pietà per queste piccole creature. Ma anche noi siamo lì, e li contrasteremo giorno dopo giorno, senza tregua

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati