cucciolo di volpe II
GEAPRESS – Nei primi giorni di questo mese, la possibile modifica della legge di settore che regolamenta la caccia alla volpe con  muta di cani, aveva fatto saltare dalla sedia migliaia di animalisti inglesi.

Quanto in programma, avrebbe infatti comportato il ripristino di mute con 40 cani, rispetto ai due soli imposti dell’ex Primo Ministro Tony Blear. Un shock per il secolare “sport”, così come  definito dagli aristocratici appassionati, ovvero una crudeltà inaudita per gli animalisti che denunciavano l’orrenda fine della povera volpe assalita dalla muta. In Inghilterra, giova ricordare, agiscono squadre di animalisti sabotatori, con il solo scopo di distrarre i cani dei cacciatori.

Ed invece, ieri, una dichiarazione dell’attuale Primo Ministro David Cameron, sembra avere gettato alle ortiche le speranza dei cacciatori di volpi. Secondo un comunicato diffuso da PETA, il Primo Ministro si è dichiarato dispiaciuto di dover credere che nella compagine governativa non vi è  accordo per la modifica della legge. Dunque due suoli cani e tante possibilità in più (in attesa di renderle certa  la vita) per la povera volpe.

In altri termini, il Primo Ministro si potrà dire dispiaciuto, ma ha dovuto prendere atto della scarsa volonta  “spara” volpe.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati