bushmeat
GEAPRESS – Quattro trafficanti arrestati e ben due tonnellate di carne affumicata posta sotto sequestro. A comunicare il nuovo intervento della Sicurezza nazionale della Guinea, scaturito proprio a seguito dell’emergenza Ebola, è l’ONG WARA, specializzata nella repressione dei traffici di fauna selvatica.

Secondo fonti di polizia sarebbe così stata smantellata una pericolosa rete di fornitori  che dalla foresta  riuscivano a portare direttamente nei luoghi di consumo i corpi dei poveri animali. Tra questi molti scimpanzè ed altri primati.

A quanto pare un’altra spedizione di bracconieri era pronta a raggiungere  la stessa regione dove, nel dicembre 2013, è apparso per la prima volta il virus Ebola. Come è noto il contatto ed assunzione di carne di selvaggina (in particolare di primati, pipistrelli ed alcune antilopi) è considerato uno dei principali vettori della pericolosa infezione virale. Fino ad ora, ricoda WARA, in Guinea sono state uccise dal virus quasi 1300 persone.

Sempre l’ONG pone in  evidenza un’altra notizia che ha destato molta preoccupazione nel paese. Lungo la strada che da Kankan porta a Kissidougou, nella Giunea orientale, sarebbe stato rubato, nel corso di un assalto ad un pullman, un campione biologio prelevato dalla bocca di un paziente morto a Kankan. Il rischio è ora che quel campione venga manipolato incautamente.

Oltre al possibile danno anche la pericolosa beffa. Nonostante l’allarme sia a livelli massimi ormai da molti mesi, i veicoli per il trasporto speciale di questi campioni, sono arrivati nella stazione di partenza del campione poche ore dopo il suo trasferimento.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati