caccia tagliole
GEAPRESS – Approfittando del gelo di questa mattina, un cacciatore della provincia di Grosseto  aveva piazzato trenta tagliole all’interno di una zona sottoposta a divieto di caccia. Lo comunica la LAC (lega Abolizione Caccia) che verso  le 12.00, con le proprie Guardie, ha individuato l’uomo che dopo aver recuperato dalla tagliola un pettirosso ormai privo di vita, riarmava la trappola e si dirigeva in direzione di un’altra tagliola. In tale punto si sono qualificate la Guardie.

Il cacciatore aveva  già catturato e posizionato all’interno della  giacca 12 pettirossi. Era inoltre in possesso di un barattolo contenente gremignoli, ovvero esche usate per riarmare le tagliole. Sul posto è intervenuta la Polizia Provinciale di Grosseto che insieme alle guardie della LAC ha provveduto a recuperare tutte le tagliole oltre altri uccelli rimasti intrappolati e privi di vita.

Al termine dell’operazione sono stati recuperati bel 25 pettirossi, un occhiocotto, e due merli.

Le tagliole e tutti gli uccelli recuperati  sono stati sequestrati, e il cacciatore (in possesso di regolare licenza di caccia) è stato denunciato per esercizio di caccia con mezzi vietati, abbattimento di specie  particolarmente protette,  maltrattamento e uccisione di animali in modo straziante (le tagliole infatti intrappolano gli uccelli per il collo, lasciandoli morire per lento soffocamento.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati