cardellino imbracato II
GEAPRESS – Operazione congiunta, nella giornata di ieri, dele  Guardie Giurate Zoofile dell’EMPA (Ente Mediterraneo Protezione Animali)  e di quelle del WWF, nuclei della provincia di Napoli.

Le Guardie si erano recate nel territorio del comune di Giugliano in Campania (NA) ove, nei pressi del Lago Patria, venivano controllati diversi cacciatori.  Nel corso del pattugliamento le Guardie EMPA e WWF hanno udito il canto dei cardellini che veniva trasmesso da un richiamo acustico. Come è noto, trattasi di uno strumento di caccia, vietato dalla legge.

Arrivati nei pressi di una strada interpoderale, veniva conta in flagranza una persona intenta in attività di uccellagione. In particolare si notava un appostamento temporaneo, 2 richiami elettroacustici in funzione, (tipo FONOFIL) ed una gabbia con all’interno nove cardellini, specie protetta dalla legge. Altri 3 cardellini erano invece legati per il ventre ed erano utilizzati come richiami per attirare i loro simili allo stato selvatico. Questo metodo, spiegano le Guardie EMPA e WWF, infligge grandi sofferenze ai poveri animali.

Contattati i Carabinieri del Comando Stazione di Varcaturo, si è proceduto al sequestro delle reti, della gabbia, degli animali e di tutti gli altri strumenti illegali ivi trovati, tra cui i richiami elettroacustici. La fauna rinvenuta è stata liberata in luogo idoneo, alla presenza dei Carabinieri e delle Guardie zoofile e venatorie. Questo al fine di ridurre ulteriori ed inutili sofferenze che conseguono alla traumatica cattura.

Il soggetto, oltre ai reati venatori, dovrà rispondere anche di quello di maltrattamento degli animali.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati