FROSONI
GEAPRESS – Si era imbarcato con il catamarano per Malta. All’interno della sua automobile sono stati ritrovati,  nascosti all’interno di cassette per vegetali, oltre ottocento fringillidi.

L’uomo, a quanto sembra proveniente dalla provincia di Reggio Calabria sarebbe già noto negli ambienti  italiani. Gli uccelli ora sequestrati a Malta sono 300 Frosoni, 302 Verzellini, 218 Verdoni, sei Fanelli, sei Lucherini, e un Fringuello. Sulla piazza maltese avrebbero fruttato oltre 10.000 euro, ma il loro valore sarebbe ulteriormente aumentato nella vendita al dettaglio presso i trappolisti, vera e propria categoria di cacciatori che a Malta riceve pure un riconoscimento ufficile nonostante le rimostranze delle Autorità europee.

Il bracconiere calabrese è stato giudicato per direttissima. La pena, consistente pure in alcuni mesi di arresto, è stata sospesa.

Tutti gli uccelli e l’automobile adibita per il trasporto, sono stati posti sotto sequestro. Alcuni animali sono stati trovati già morti mentre quelli ancora in vita verranno liberati in natura.

In più occasioni bracconieri italiani, in genere calabresi e siciliani, sono stati segnalati per i traffici illeciti con Malta. Il porto d’imbarco preferito è quello di Pozzallo, in provincia di Ragusa, a quanto sembra già segnalato anche per traffici di fauna di altro tipo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati