GEAPRESS – Un lungo tragitto quello programmato per i 22 cardellini, verosimilmente catturati nel centro della Sicilia, posti sotto sequestro il 29 giugno scorso nel porto di Palermo. Ad intervenire il Corpo Forestale della Regione siciliana Distaccamento Palermo – Falde, guidato dal Comandante Lia Pirrello.

Ad essere bloccato un pensionato di Lentini, in provincia di Siracusa, classe 1952. Era pronto ad imbarcarsi per Genova. Da qui avrebbe raggiunto Torino, dove aveva eletto domicilio.

I 22 cardellini erano sistemati in gabbie di legno ad uso degli uccellatori, riposte nel sedile posteriore di una Fiat marea. Una delle gabbie era sistemata all’interno di un borsone appositamente predisposto, fatto questo che fa presupporre ad una regolarità delle spedizioni.

Un altro particolare lascia però supporre come gli stessi animali fossero in mano a persona tutt’altro che inesperta. Due volatili, infatti, erano provvisti di anellino in uso presso le associazioni di ornicoltori. La loro presenza attesta la nascita in cattività. Si tratta, pertanto, di un potenziale escamotage (più volte smascherato dagli inquirenti) messo in atto per riciclare animali in realtà catturati in natura. Tale cattura è vietata dalla legge. Dieci cardellini, inoltre,  riportavano alle zampe strisce di diversa coloritura. Blu, se maschi, e rossi nel caso delle femmine. Nessuno di loro aveva anellini, così come gli altri dieci rimanenti.

Dieci cardellini sono stati subito liberati nella Riserva Naturale di Monte Pellegrino (nella foto segnata in gallery), che si trova proprio in prossimità del Distaccamento Falde della Forestale siciliana. Gli altri dodici sono invece stati consegnati per le opportune cure al Centro di Ficuzza della Regione siciliana, gestito dalla LIPU.

Il pensionato, denunciato per detenzione di fauna selvatica protetta, si è difeso sostenendo di avere acquistato i cardelllini al mercato di Siracusa, non sapendo della provenienza illecita. E’ probabile che durante il tragitto, forse in una piazzola di sosta, sia stato notato da qualcuno. Ai Forestali, infatti, era pervenuta una circostanziata segnalazione.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTO: