gheppio morto
GEAPRESS – A rimanere vittima dei pallini di piombo è un falco Gheppio, centrato oggi da una fucilata nei boschi al confine tra Liguria e Piemonte.

L’ambito territoriale interessato dal grave atto di bracconaggio è infatti quello di Montezemolo, in provincia di Cuneo. Il rapace, un volta raggiunto dai volontari dell’ENPA di Savona, era ormai morente; nella zona vi erano diversi cacciatori ma nessun agente di vigilanza.

Come è noto, spiega la Protezione Animali, la Regione Liguria ha smantellato la polizia provinciale, riducendo a cinque gli agenti operanti in provincia con un orario d’ufficio settimanale che non prevede “uscite” serali, notturne o al sabato e la domenica.

Impossibile non distinguere il volatile in volo, per il piumaggio colorato e le caratteristiche bande e striature delle penne della coda. L’uccisione del povero gheppio, una giovane femmina, rimarrà quindi impunita, come decine di altri atti di bracconaggio o violazioni delle pur permissive leggi sulla caccia.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati