cinghiale
GEAPRESS – 899, questa la cifra apparsa  sulla stampa, in merito ai cinghiali che sarebbero stati abbattuti nel Parco Regionale dei Colli Euganei, in provincia di Padova.

Un dato che viene evidenziato in termini positivi per il contenimento del suide selvatico, ma che trova in totale disaccordo il Gruppo di Intervento Giuridico del Veneto.

Secondo i protezionisti se è vero che di anno in anno aumentano le uccisioni, è altrettanto fondato pensare che aumenti in modo consequenziale anche la numerosità degli animali. Tale fenomeno potrebbe essere spiegato con la destrutturazione gerarchica dei branchi di cinghiali conseguente alla caccia, la regolazione ormonale e l’aumento di fertilità degli animali in risposta alla pressione venatoria. Vi è poi l’aumento di spazio e risorse alimentari per gli animali sopravvissuti alle uccisioni.

Un’opera di contenimeto dei cinghiali, potrebbe essere rappresentata dall’attuare robuste recinzioni elettrificate attorno ai coltivi oltre che un piano di vaccinazione al fine di rendere infertili gli animali. In tal maniera i cinghiali raggiungerebbero un nuovo equilibrio con il territorio, senza scombussolamenti gerarchici dei branchi, conseguenti al prelievo venatorio. Operazioni, queste ultime, che costerebbero parecchio anche in termini di impiego di risorse umane.

Non solo – riferisce  il Gruppo di Intervento Giuridico –  andare ad influire sui cinghiali adulti con armi da guerra con gittata di alcuni chilometri (tali sono i fucili a canna rigata), significa aggravare l’impatto dei giovani sulle colture agrarie venendo meno l’esperienza degli adulti nella ricerca del cibo nel bosco: abitualmente i cinghiali adulti preferiscono il cibo reperibile nel bosco ai coltivi e trasmettono questa conoscenza ai giovani cinghiali”.

Cinghiali che evidentemente a qualcuno fa piacere introdurre da altre parti. Questo sarebbe successo nei vicini Colli Berici. Vuoi vedere, sospettano i protezionisti, che in tal maniera si vorrà esportare il “modello” Colli Euganei anche da quelle parti?

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati