GEAPRESS – “La vergognosa aggressione subita dai volontari italiani del Cabs (vedi articolo GeaPress), picchiati a sangue da agenti della Polizia cipriota mentre erano intenti a denunciare il fenomeno del bracconaggio sull’isola mediterranea, è da condannare fermamente”. Lo dichiara Fulvio Mamone Capria, presidente della LIPU-Birdlife Italia a proposito del grave episodio denunciato oggi dai volontari del Committee against bird slaughter (Cabs).

Ho scritto al Presidente del Consiglio, Mario Monti, e al Ministro degli Esteri, Giulio Terzi – continua Mamone Capria – affinché convochi con urgenza l’ambasciatore cipriota a Roma per avere ogni dettaglio sulla gravissima vicenda del pestaggio dei nostri volontari e per protestare fermamente con il Governo cipriota, affinché si preveda anche un’esemplare punizione per i poliziotti coinvolti”.

A Cipro, come del resto in Italia, la tolleranza nei confronti del bracconaggio è ancora a livelli altissimi – conclude il presidente LIPU – Le istituzioni di entrambi i Paesi devono assumere impegni maggiori per sconfiggere questi fenomeni”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati