quagliodromo manifestazione
GEAPRESS – Il simbolo del Comune di Cellole (CE) e della Provincia di Caserta, sono stati le “ciliegine” sulla torta. Una torta amara per le Starne, loro malgrado “protagoniste” della prova di caccia.

Questa mattina, però, a Cellole c’erano anche gli animalisti “armati” di megafoni e trombette. Di buon mattino un nutrito presidio  anticaccia, ha salutato la gara nel corso della quale sarebbero state abbattute una quindicina di starne.

Una gara, per gli organizzatori, ed una “barbarie” per gli animalisti.

“Fronte Animalista”, “Movimento Protezione Animali e Ambiente” ed “Attivisti Animalisti Napoli” hanno presidiato contando pure gli spari ben sapendo, riferisce a GeaPress un attivista, che in quel momento stava morendo un uccellino che era stato allevato per poi essere utilizzato come bersaglio. Da un lato si gareggiava,  dall’altro c’è stato pure chi ha pianto.

Immaginate la sensazione che proverà quel povero animale – ha riferito a GeaPress Vincenzo Caporale, animalista dei luoghi –  che per la prima volta può volare verso il cielo! La sua gabbia però è stata aperta non per dargli la libertà ma per essere ammazzato! Le sue piume non sentiranno il soffio del vento, il suo corpicino non sarà accarezzato dalla pioggia … Quell’esserino sentirà solo il calore del piombo che lo farà cadere al suolo privo di vita e con le piume colorate dal suo sangue!”

Gli attivisti prima di lasciare il presidio sono riusciti a salvare una starna che era destinata a fare da bersaglio, e di questo ne siamo felicissimi!

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati