poiana lipu
GEAPRESS – Una Poiana impallinata rinvenuta sul Monte Massico nei comune di Carinola, provincia di Caserta.

Ne ha dato comunicazione la LIPU intervenuta dietro segnalazione di un cercatore di funghi che aveva individuato il povero animale. Purtroppo sono apparse subito evidenti le ferite riportate dal colpo di un’arma di fuoco.

Il Monte Massico – sottolinea la Lipu – si conferma ancora una volta luogo molto pericoloso per l’avifauna selvatica, questo infatti è il terzo caso in meno di due mesi di rapaci tutelati dalla normativa vigente che sono oggetto di atti di grave bracconaggio”.

Questi casi – commenta Maurizio Paolella, responsabile locale della LIPU – sono stati rilevati in quanto i rapaci abbattuti sono stati recuperati da cittadini e consegnati ai volontari della Lipu di Caserta che, nell’ambito del recupero della fauna selvatica in difficoltà , li hanno soccorsi e prontamente consegnati al centro di recupero animali selvatici di Napoli. E’ molto probabile purtroppo che ci siano stati altri casi di abbattimento illegale non noti per uccelli morti sul colpo o comunque non rinvenuti”.

Da notare inoltre – sottolinea lo stesso Paolella – che nessun rapace diurno o notturno può essere confuso con specie cacciabili, pertanto questi casi rappresentano ingiustificabili atti di bracconaggio nei confronti di splendidi animali, tra l’altro particolarmente utili al controllo dei piccoli roditori; sicuramente la drastica diminuzione di fatto dei servizi di vigilanza sulla caccia, conseguenti all’incertezza ed alla riduzione di organici in atto nella Polizia Provinciale e nel Corpo Forestale dello Stato, aggraveranno ulteriormente una situazione divenuta ormai inaccettabile”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati