GEAPRESS – Operazione  antibracconaggio del Corpo Forestale della Regione Sardegna, portata a termine nelle oasi di protezione faunistica del cagliaritano. Le attività di polizia hanno condotto all’individuazione e denuncia di alcuni soggetti, tra i quali pure il presunto responsabile di aggressioni e minacce ad alcuni attivisti di LAV e LIPU impegnati, lo scorso dicembre,  nei campi antibracconaggio.

Gli interventi della Forestale si sono concentrati  nelle zone montane del  basso Sulcis ed hanno visto l’impiego del personale della stazione Forestale di Capoterra coordinato dal Servizio Ispettorato Territoriale  di Cagliari  del Corpo Forestale.

Complessivamente ad essere denunciate sono state cinque persone alle quali è stato contestato il reato di  uccellagione, detenzione  e uso di strumenti illeciti. In particolare, a seguito di indagini, è stata elevata una denuncia per minacce e aggressione ai campisti. Il presunto aggressore  è un disoccupato trentaquattrenne di Capoterra. Una persona già conosciuta per analoghi reati. Stessi precedenti di altri due bracconieri individuati in località Chiccu Locci, nel comune di Capoterra. Due fratelli di 42 e 40 anni entrambi disoccupati e colti in flagranza di reato mentre posizionavano lacci-cappio per uccellagione.

Cavetti d’acciaio per la cattura di cervi e cinghiali, oltre che lacci per uccellagione, anche per altri due bracconieri. Sono stati individuati nell’area di monte Arcosu, in località Paddera. Si tratta di un allevatore trentaquattrenne di Paddera ed un lavoratore precario di 52 anni di Villasor. Anch’essi sono stati scoperti in flagranza di reato.

L’attività della Forestale ha inoltre comportato l’esecuzione delle perquisizione domiciliari  ed il sequestro complessivamente  di 69 uccelli morti, tra cui tordi , merli, pettirossi e colombacci. Rinvenuti, sempre nelle abitazioni, 150 lacci in acciaio per ungulati e  1500 lacci per uccellagione. La Forestale ha inoltre provveduto alla bonifica di ampie zone del territorio. Erano infestate da ben 4500 lacci-cappio. Dei fatti è stato trasmesso un dettagliato rapporto alla Procura delle Repubblica di Cagliari.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati