cinghiale carne
GEAPRESS – Operazione del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale del Servizio Ispettorato di Cagliari rivolta al controllo dell’attività venatoria e contrasto della caccia di frodo.

Le operazioni sono state portate a termine, tra giovedì e venerdì, in diverse zone del Sarrabus. A condurle il personale delle Stazioni Forestali di Senorbi, San Nicolo Gerrei con il supporto del nucleo investigativo. A finire denunciati in stato di liberta, così come previsto dalla legge, sono state sei persone che hanno altresì subito il sequestro delle armi e munizioni per avere violato la legislazione venatoria.

In particolare nel comune di San Basilio, in località Serra S’ilixi, si sono sorprese, nel corso di una perquisizione all’interno di un ovile, tre persone intente a macellare due cinghiali appena catturati. Il tutto a conclusione di una battuta di caccia abusiva eseguita in giornata non consentita. Entrambi i cinghiali, che tra l’altro risultavano abbattuti con cartucce vietate caricate pallettoni, sono stati sequestrati. I tre uomini, invece, sono stati segnalati alla Questura per la revoca del Porto d’arma.

Sono stati inoltre eseguiti controlli in zone dove è vietato l’esercizio venatorio. Tra queste, in località Baccanali ed in Zona di Ripopolamento, sono stati sorpresi in atteggiamento di caccia due cacciatori. Un terzo, accusato della stessa violazione è stato individuato nell’Oasi di Protezione Faunistica di Pranu Sanguini nell’ambito comunale di S Andrea Frius.

A tutti i trasgressori sono state sequestrate le armi e denunciati all’autorità giudiziaria per esercizio di Caccia in Zona vietata e segnalati alla Questura per la revoca della licenza di porto di fucile.