cinghiale laccio
GEAPRESS – C’è pure un minore tra le persone denunciate dal Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale del Servizio Ispettorato di Cagliari. L’intervento, rivolo al contrasto della caccia di frodo con mezzi non consentiti nel Parco regionale di Gutturu Mannu, ha portato alla denuncia in stato di libertà, così come previsto dalla legge, di quattro persone tra cui un minorenne. Ad essere sequestrati sono stati tre cinghiali catturati illegalmente e oltre 10.000 sistemi di cattura illegali.

Le operazioni si sono svolte tra giovedì e venerdì e sono state portate a termine dalle Stazioni Forestali Capoterra  con il supporto del Nucleo Investigativo.

I fatti sono occorsi durante un servizio notturno. Intorno alle ore 1,00, infatti, in un posto di controllo istituito nella strada provinciale Capoterra Santadi in località Trunconi, i Forestali hanno intimato l’alt ad un veicolo che avrebbe invece tentato una fuga subito bloccata dopo un breve inseguimento. Durante il controllo veniva rinvenuto un cinghiale appena catturato.

Per tale fatto sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria due soggetti. Nel corso dell’operazione oltre al cinghiale, sono state recuperati e sottoposti a sequestro 5000 lacci per uccellagione.

Nel corso di un secondo intervento, messo in atto in località Santa Barbara nel Comune di Capoterra, veniva fermato un uomo che, in compagnia di un ragazzo, era intento a controllare i lacci per uccelli e cinghiali. Secondo la Forestale il bracconiere avrebbe piazzato le trappole lungo un sentiero. Intercettato dai Forestali l’uomo imbracciava uno zaino contenente un cinghiale appena catturato con il sistema dei lacci. Durante l’operazione è stata bonificata dai Forestali una vasta zona dove sono stati recuperati oltre 60 lacci per la cattura di cinghiali e oltre 4000 lacci per uccellagione.

Tutte le persone sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria mentre il minorenne è stato segnalato alla Procura della Repubblica del Tribunale dei Minori. I cinghiali e gli strumenti di cattura sono stati invece distrutti.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati